cose, foto, vita vera

Decidi. Sempre.

Ma non perché te lo dico io.
Alla fine ti conviene, bene o male, sempre.

Che poi io sono il primo che gli fai una domanda, e due su tre ti dico: “fai tu che per me è uguale” – anche se non lo è.

No, poi magari mi impunto su cose che veramente non fa differenza se l’una o l’altra. Solo che tante volte magari sarebbe meglio decidere, invece che subirle le decisioni.

Pizza o panino?
Boh, fai tu, tanto è uguale…

Non è veramente uguale. E se te lo stanno a chiedere è per cortesia, e allora è cortesia rispondere. O te lo stanno a chiedere perché non hanno proprio idea di che scegliere, e allora è ancora più cortese rispondere. Chi sei? Che uno ti chiede una mano e tu manco rispondi? Altrimenti te lo stanno a chiedere per falsa cortesia, che hanno una preferenza, ma per fare i cortesi non te la stanno a dire. Hanno già deciso loro, te lo chiedono perché tanto lo sanno che tu rispondi “Boh, fai tu, tanto è uguale…

Sopratutto in questi casi devi decidere tu. Anche perché se lo meritano. E stai attento a rispondere quello che l’altro non si aspetta. Così impara.

Ed è così su tutto. Per ogni cosa.

Rispondiamo “Boh, fai tu, tanto è uguale…” troppo spesso. Sia per inezie sia per cose importanti. Quando basterebbe un piccolo sforzo.

Io ad esempio, siccome l’altra sera ho chiesto un accendino al tabaccaio, e lui mi ha chiesto se lo volevo da un euro e io gli ho detto si si, allora lui mi ha chiesto come lo volevo.

Boh, fai tu, tanto è uguale…

Ecco, non male no?

Standard

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>